PERSONE


IL PRESIDENTE


FABIO DOTTI
nasce a Chiari il 15 agosto 1975, si diploma nel 1994 presso I.T.C.G. Einaudi di Chiari – ragioneria indirizzo giuridico economico aziendale (I.G.E.A.), professione responsabile amministrativo, ruolo che ricopre dal 2007.

Vive a Coccaglio, si sposa nel 2004 con Rossella ed ha due figli: Alessandro e Nicole.

È consigliere della Fondazione Urbani e Nespoli dal 2009 per venire eletto poi Presidente nel 2013.

Crede fortemente nell’importanza sociale ed educativa che la Scuola dell’Infanzia e Nido Urbani e Nespoli ha ed ha avuto per la Comunità di Coccaglio. Opera con impegno e costanza, con passione e determinazione affinché la Fondazione possa accompagnare i bambini nei primi passi del loro percorso scolastico e, al contempo, possa fornire un sostegno alle famiglie con servizi quanto più ampi possibile.


LA SEGRETARIA


ANNA
Sono nata a Bologna dove ho conseguito il diploma di Ragioneria. Abito da 30 anni a Coccaglio e dal 2001 ricopro il ruolo di Segretaria della Fondazione curando tutto l’aspetto burocratico e contabile, occupandomi anche delle iscrizioni dei bambini. Sono la prima persona all’interno della Scuola con cui i genitori si rapportano

LA COORDINATRICE


ROBERTA CAPRETTI
nasce a Brescia il 17 marzo del 1983.

Si diploma nel 2002 al Liceo Scientifico di Rovato e, nello stesso anno, approda all’Università degli Studi di Bergamo per frequentare la facoltà di Scienze dell’Educazione. Qui incontra un ricco mondo accademico e relazionale e decide di proseguire, dopo la triennale, con la specialistica in Consulenza pedagogica e ricerca educativa.

Il periodo 2003/2008 è caratterizzato da diverse esperienze lavorative e universitarie, alcune ancora in essere. Lavora come assistente a minori disabili, segue casi di educativa domiciliare, lavora in una residenza per anziani, fa parte di un progetto per adolescenti finanziato dalla Legge 23, è educatrice in un centro diurno per disabili adulti, fa servizio di orientamento in alcuni sportelli Informagiovani della zona. Vive un’esperienza di tirocinio presso La Neuropsichiatria dell’Ospedale Civile di Brescia. Collabora con la prof.ssa Grassseni nel Progetto Ecomuseale della Valtaleggio che sfocia nella tesi specialistica “Una ricerca antropologica sulla competenza ambientale: mappe di comunità ed esperienze di formazione ecomuseale”, conseguita nel 2008; con la stessa docente sarà Cultore della materia nell’a.a. 2009/2010. Fa tuttora parte del Laboratorio di Ecologia Evolutiva dell’Università degli Studi di Bergamo, fondato dal prof. Walter Fornasa.

Dal 2010 è coordinatrice educativo-didattica della Scuola dell’Infanzia Urbani e Nespoli di Coccaglio.

Si sposa con Simone nel freddo Dicembre del 2010 e con lui condivide la passione per la montagna, la moto e per la loro cucciola Neve.

Nell’ottobre 2015 diventa mamma del piccolo Gregorio.

Tra il 2015 e il 2016 approfondisce la passione per questo lavoro con il Master innovazione e gestione delle istituzioni scolastiche cattoliche presso l’università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia.

PERSONALE NIDO


LOREDANA
Ruolo: Educatrice Nido / Sezione Orsetti
Perché insegno: veder crescere e maturare un gruppo di bambini è sempre un’esperienza meravigliosa

DANIELA
Ruolo: Educatrice Nido / Sezione Orsetti
Perché insegno: non c’è un solo giorno, anche il più difficile, in cui almeno un bambino non riesca a farti sorridere

ROBERTA
Ruolo: Educatrice Nido / Sezione Cuccioli
Perché insegno: insegno perché amo i bambini e credo che il mondo visto con i loro occhi e dalla loro “altezza” sia molto più bello!

FEDERICA
Ruolo: Educatrice Nido / Sezione Cuccioli
Perché insegno: perché mi piace disegnare, colorare, pasticciare, sporcarmi le mani e soprattutto vedere bambini che si divertono!

FRANCESCA
Ruolo: Educatrice Nido
Perché insegno: i bambini sono gioia e vita! Ogni giorno ti insegnano la semplicità delle cose e ti fanno dimenticare le difficoltà con la loro allegria e spensieratezza. Penso che fare l’insegnante non sia un lavoro semplice ma gratificante per molti molti aspetti

TIZIANA
Ruolo: Educatrice Nido
insegno perché in questo modo non smetto mai di imparare. Amo ascoltare, raccontare e vivere le favole ad altezza di bambino. E poi, in questo lavoro, le coccole sono assicurate!

FRANCA
Ruolo: Ausiliaria
Perché lavoro: è bellissimo vedere i cambiamenti dei bambini e leggere nelle loro espressioni bisogni e sentimenti. I bambini sono così: semplicemente spontanei!

PERSONALE SCUOLA DELL'INFANZIA


MARGHERITA
Ruolo: Insegnante di Materna / Primule Gialle
Perché insegno: perché i bambini restituiscono molto di più di quello che si dà a loro, per questo il mio non è solo lavoro

MIRELLA
Ruolo: Insegnante di Materna / Viole Viola
Perché insegno: mi ritengo una persona fortunata perchè sono riuscita a realizzare quello che desideravo: un lavoro che ogni giorno mi regala un sorriso, due occhi da bambino e un giro giro tondo… semplicemente fortunata!

ANGELA
Ruolo: Insegnante di Materna / Margherite Bianche
Perché insegno: perché educo ancora? Perché nonostante le difficoltà con cui mi devo confrontare quotidianamente, essere a fianco e aiutare i bambini nella loro scoperta è un momento di crescita reciproca. La meta non si raggiunge mai…

BARBARA
Ruolo: Insegnante di Materna / Trifogli Verdi
Perché insegno: per contribuire, nel mio piccolo, alla crescita ispirata a sani principi etico-morali delle nuove generazioni

LAURA
Ruolo: Insegnante di Materna / Tulipani Arancio
Perché insegno: ho desiderato tanto questo lavoro, ed ho studiato per metterlo in pratica. Mi porta molte soddisfazioni e gratificazioni veder crescere i bambini che mi sono stati affidati

PAOLA
Ruolo: Insegnante di Sostegno
Perché insegno: perché ho scelto e mi sono formata per svolgere questo lavoro

ANTONELLA
Ruolo: Insegnante Jolly
Perché insegno: per la magia che trasmettono i bambini. Grazie alla loro spontaneità, simpatia e allegria ti aiutano a mantenere lo spirito giovane e non conosci la noia, perché ogni volta è una scoperta

ROSSELLA
Ruolo: Insegnante Jolly
Perché insegno: amo il mio lavoro perché ogni giorno è sempre diverso dal precedente, ogni bambino è una continua scoperta, e in questo processo di crescita cresco un po’ anche io con loro